Questo sito fa uso principalmente di cookie tecnici e di statistica aggregata utilizzati esclusivamente per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie."


Progetto Charité Maternelle Goma




Il progetto

Il progetto è incentrato nella “charité maternelle”. Il nome del Centro di Salute è anche il titolo del progetto, a sottolineare l’importanza delle cure amorevoli, oltre che professionali, da parte del personale ai pazienti della clinica. La Charité Maternelle di Goma è un piccolo ospedale costruito nel 1987 dalla Diocesi di Goma e deve il suo nome all’attività principalmente ginecologica-ostetrica e di neonatologia. Si tratta di una clinica dotata di sale operatorie, dove vengono trattati numerosi casi di ferite d’arma da fuoco, in particolare per gli ex-bambini soldato, e di tipo ginecologico per le donne vittime di violenza. Offre i suoi servizi alla totalità degli abitanti di Goma ma è anche divenuta una struttura di riferimento per la popolazione femminile degli altri territori del Congo e della limitrofa città Ruandese di Gisenyi. Attualmente il Centro di Salute dispone di 120 letti, ma le condizioni di ospedalizzazione sono mediocri e le carenze igienico-sanitarie causano mortalità infantile e post-chirugica. Dopo l’importante contributo di Elios Onlus negli scorsi 7 anni, che si è tradotto in numerosi interventi essenziali, quali la parziale ristrutturazione di parti murarie, impianti e servizi igienici, il bisogno si incentra ora nel rinnovamento della strumentazione nei servizi ambulatoriali e nell’introduzione di attrezzature ed apparecchiature nelle sale operatorie.

Le attività di Biom.AIDIl progetto prevede la donazione efficiente e sostenibile di apparecchiature elettromedicali e attrezzature sanitarie non più utilizzate da enti o strutture sanitarie del territorio nazionale italiano, al fine di potenziare la dotazione tecnologica e migliorare di conseguenza il servizio di assistenza alla popolazione (cure ambulatoriali e ricoveri).
A seguito del rilevamento dei bisogni più immediati per il centro di salute, sono state inviate da parte di Biom.AID Onlus le seguenti attrezzature: 2 lampade scialitiche, 6 ventilatori polmonari, 1 defibrillatore, 1 ecografo con sonde addominali e ginecologiche, 1 diatermocoagulatore, 2 pulsossimetri e letti da visita.
L’introduzione di nuove attrezzature implica la necessità di formare il personale addetto al corretto uso e alla corretta manutenzione delle stesse. Biom.AID Onlus si occuperà della qualificazione del personale del centro di salute e fornirà anche supporto remoto per eventuali problematiche delle apparecchiature.
Inoltre, il progetto prevede l’analisi dei bisogni emergenti nelle altre realtà sanitarie della Provincia del Nord-Kivu (che comprende 413 Centri di Salute e 22 Hôpitaux Généraux de Référence), al fine di individuare le necessità e le richieste di altri Centri di Salute in cui replicare l’intervento.